“VA E RIPARA LA MIA CHIESA” – Il nuovo umanesimo di Papa Francesco

 

Nel giorno della festa del Santo Patrono d’Italia Papa Francesco si reca ad Assisi a pregare sulla tomba del poverello.

La Santa Messa trasmessa in mondo visione su RAI 1 si svolge nel piazzale inferiore della Basilica di San Francesco. Simboli che  distinguono e caratterizzano la figura del nuovo pontefice.

Una preghiera umile e un tono sommesso per i fatti di Lampedusa   rafforzano la scelta del messaggio di Pace  e raccoglimento  del Santo Padre.

Gesti che parlano , spiazzano , rinnovano , riavvicinano il modo di pregare della chiesa  alla gente.

Francesco fu prima di tutto un uomo ,  sconvolse la societa’ del tempo per i gesti che ha compiuto.

Papa Francesco lo sta imitando , sta seguendo il suo esempio.  Francesco fu uno dei piu’ grandi rivoluzionari perche’ si avvicino’ maggiormente a Gesu’. “Rinunciando ai beni materiali divenne povero per arricchire noi. “

Papa Francesco durante la giornata di Venerdi’ 4 Ottobre ha voluto seguire il percorso di Francesco anche nei luoghi cari al Santo : Il complesso di San Damiano, istituto serafico, sala della espoliazione, Santa Maria Maggiore, Basilica di San Francesco, Tomba di San Francesco, Santa Maria degli Angeli, Eremo delle Carceri, Duomo di San Rufino, Basilica di Santa Chiara,  Porziuncola Santa Maria Degli Angeli, Santuario di Rivotorto.

“Francesco insegnaci a lasciarci guardare dal  Crocifisso” : questo l’appello di Papa Francesco durante l’omelia e continua dicendo: “insegnaci ad essere strumenti di pace”.

Una giornata importante per la storia della Chiesa , una giornata toccante per migliaia di pellegrini  presenti visibilmente commossi dalle parole ma soprattutto da gesti che verranno ricordati cosi come la spoliazione di Francesco.

 

Angela Nasone

Rate this post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *